Resa ed esame me stesso

La mia stabilità veniva dal cercare di dare, non dal chiedere per ricevere.
Credo che possiamo comportarci allo stesso modo con la sobrietà emotiva. Se esaminiamo
ogni nostra inquietudine, piccola o grande che sia, alla sua radice troveremo una
dannosa dipendenza e la sua conseguente dannosa richiesta. Rinunciamo continuamente,
con l’aiuto di Dio, a queste limitanti richieste. Potremo allora essere liberi di
vivere e di amare; potremo allora essere in grado di fare il Dodicesimo Passo a noi
stessi e agli altri, per giungere alla sobrietà emotiva.

Il Linguaggio del Cuore, pag. 303

Anni di dipendenza dall’alcol quale mezzo chimico per cambiare stato d’animo, mi hanno
privato della capacit√† d’avere reciproci rapporti emotivi con gli amici. Pensavo di
dover essere autosufficiente, pieno di fiducia in me stesso e ricco di motivazioni in
un mondo di persone inaffidabili. Alla fine ho perso ogni rispetto di me stesso e sono
rimasto solo con la mia dipendenza, non pi√Ļ in grado di avere fiducia in me o di credere
in qualcosa. il mettere in comune con i nuovi venuti la mia resa e l’esame di me stesso
mi hanno aiutato a chiedere aiuto con umiltà.